Dov’è casa?

Quali sono i sentimenti di chi si scopre prigioniera di un carceriere dall’aria familiare e conosciuta? Cosa significa fare i conti con un tipo di sofferenza che rischia di rimanere silenziosa e celata?

Ci sono forme di violenza le cui manifestazioni non sono evidenti. La vita domestica può essere il luogo di reclusione per donne alle prese con forme celate di maltrattamento.

Progetto in collaborazione con Arkadia Collective Lab

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...